I mattoncini Lego: veri e propri oggetti di culto

Ormai il mattoncino Lego è diventato, per molti, una vera passione. Le costruzioni con il mattoncino danese sono diventate un business, ci sono veri e propri listini per chi compra e chi vende e chi custodisce pezzi storici, spesso, ignora che custodisce quasi una fortuna.Tutto questo è partito dagli Stati Uniti e su internet ci sono siti specializzati che aiutano con segreti e suggerimenti chi deve vendere e chi deve comprare, informando quali sono le collezioni più ricercate e quelle che valgono di più. Tutto questo perché i mattoncini lego sono tornati di moda prepotentemente. Il mattoncino anche in Italia è tornato alla ribalta insieme ai soldatini e molti giochi da tavola. Sembrava che i videogiochi, il pc e tanti giochi elettronici avessero preso il sopravvento ma così non è stato o perlomeno è stato così solo per un po’ di tempo.

Naturalmente ci sono collezionisti che sono affezionati ai mattoncini e che non li venderebbero a nessun prezzo: più che il valore in denaro non c’è da sottovalutare il valore affettivo, così come accade per i soldatini o i trenini. Non tutti sono collezionisti chiaramente ma se un giocattolo è bello e ci si è affezionati fin da bambini non lo cederemmo a nessun prezzo. Invece c’è chi anziché investire nel mattone investe nel mattoncino lego. Infatti, sono molti negli Stati Uniti a comprare e vendere. Un ragazzo è riuscito a vendere delle serie fuori produzione a 400 dollari, serie che aveva acquistato a dieci. C’è chi tiene più di tremila scatole di mattoncini lego, compra e vende guadagnandosi il 15% all’anno.

Anche su internet impazza la vendita e tra eBay e Amazon c’è ne sono un’infinità. Chiunque può vedere e ognuno può comprare dai mattoncini nuovi di zecca a quelli più preziosi che oramai non vengono più riprodotti e che sono veri e propri oggetti di culto e i più ricercati. Il mattoncino lego non ha scadenza, da alcuni è stato paragonato a un metallo prezioso, quindi, se  conservate in solaio confezioni di mattoncini pensateci bene prima di regalarle o disfarvene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su