La battaglia di Helm’s Deep ricostruita con i Lego

Tutti voi conoscete i Lego, ovvero il classico e storico gioco delle costruzioni in legno. Nonostante sia tutt’ora molto apprezzato, tanto da realizzare dei veri e propri capolavori, il termine ha preso vita nel lontano 1934, quando il nome della società “LEGO” fu letteralmente coniato da Christiansen. L’uomo fece riferimento alla frase in lingua danese “let godt”, che letteralmente significa gioca bene.

Tornando al concetto di opere d’arte maestose, non possiamo non citare la più grande ricostruzione Lego della battaglia di Helm’s Deep. O almeno la più grande che voi abbiate mai potuto vedere. Costata la bellezza di 16.000 euro, l’opera è stata realizzata da Rich-K e Big J. I due protagonisti lo scorso anno non erano rimasti molto soddisfatti della versione ufficiale rilasciata dalla società Lego, quindi hanno pensato bene di costruirsene una da soli.

La costruzione dell’epica battaglia di Helm’s Deep è durata più di 4 mesi. Ma vediamo qualche numero importante: 150.000 mattoncini e 1.700 minifig, quindi un totale di 151.700 pezzi. L’opera realizzata con i Lego è ancora in costruzione e, al momento, i lavori sono stati eseguiti al 90%, quindi è quasi terminata. Nonostante manchi ancora del lavoro da svolgere,  pesa già 72,5 kg.

Si tratta, come potete immaginare, di una costruzione mastodontica, la quale non è affatto semplice da riprodurre. Per ammirarla e per poterla fotografare dovete aspettare il mese di settembre. Infatti sarà in mostra prima al Cincinnati Comic Con Expo,manifestazione che è in programma dal 13 al 15 settembre; poi, nei giorni 28 e 29 dello stesso mese, al BrickWorld Fort Wayne.

Siamo certi che questa non sarà l’unica grande soddisfazione che la società Lego e i suoi sostenitori ci regaleranno nel corso di quest’anno. Come ben sapete, a New York e precisamente a Time Square è “atterrata” una replica dell’X-Wing Starfighter, la nota astronave di Star Wars. Tra l’altro quest’ultima è la realizzazione con i Lego più grande mai costruita prima.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su