La città della Mole ricreata con i Lego

Che questi simpatici mattoncini potessero creare di tutto e di più era risaputo, ma che si riuscisse con questi piccoli pezzetti a ricreare una città intera nessuno (o quasi!) se lo sarebbe immaginato! Nonostante gli ammiratori di questi simpatici e colorati mattoncini danesi siano pochi nella città di Torino, due fratelli, Luca e Marco Giannitti, hanno pensato bene di ricostruire la loro città, a partire dai modellini di autobus e di monumenti torinesi.

Marco ha iniziato il suo percorso creativo con un autobus arancione,  per poi arrivare a creare varie opere importanti, come il famosissimo Palazzo Madama (che potrete ammirare nella vetrina di un negozio di giocattoli in Corso Francia), oppure la Stazione di Porta Nuova .

“Ovviamente non esiste uno schema come nelle scatole Lego premontate  perciò per prima cosa dobbiamo procurarci le misure degli edifici, e poi ridurli in una scala compatibile con i mattoncini Lego. È più difficile che per i modellini classici, in cui c’è solo la riduzione in scala. Per questo, non sempre le proporzioni sono perfette, ma l’importante è che il risultato finale si accosti all’originale”.

Ha detto Marco, che ha così continuato parlando della difficoltà di recuperare abbastanza mattoncini per creare le proprie opere:

“Una prima possibilità è andare direttamente a Legoland, in Germania o in Danimarca. Lì tutti i pezzi vengono venduti a peso. L’alternativa è il sito Bricklink, dove privati e negozi scambiano i pezzi. Tante volte ci capita di comprare delle confezioni per pochi elementi e di rivendere il resto sul web”.

Ed ha così continuato il fratello Luca:

“Non incolliamo mai i pezzi, prima di tutto perché costruendo possiamo migliorare il progetto, poi perché se Lego produce elementi più adatti possiamo cambiarli. Per il modellino di Palazzo Madama, poi, la ricostruzione è stata obbligatoria quando hanno aperto l’Orto Botanico”.

Tra le ultime creazioni della coppia di fratelli possiamo ammirare un modellino della Gran Madre con il tetto apribile.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su