Lego per gli adulti: il progetto di Lino Peverada

I Lego non sono solo per i più piccoli. Esempi di questo arrivano da tutto il mondo e anche dalle opportunità professionali di chi riesce ad utilizzare le armi della fantasia per realizzare grandi progetti. E’ il caso di Lino Peverada.

Questo giovane ingegnere del Ticino ha deciso di dar vita ad un progetto personale da lanciare a Friborgo. Di cosa si tratta e perché centrano i Lego ve lo spieghiamo subito. I mattoncini Lego sono stati per Lino Peverada una vera e propria fonte di ispirazione.

In questo mondo così complesso soprattutto dal punto di vista lavorativo, bisogna essere aperti a tutte le nuove chance che il mercato offre, Lego compresi. La flessibilità è la chiave di svolta di questa vita e di tutti i contesti sociali e di lavoro in cui ci troviamo ogni giorno e Lino Peverada l’ha capito bene.

Esperto ingegnere di Lodrino, appena trentenne, Lino Peverada ha lasciato l’Italia con tutte le conseguenze anche difficili da affrontare e si è trasferito a Friborgo. Qui nel 2001 aveva studiato  ingegneria meccanica e il passo verso la creazione del business è stato breve. Ha dato vita ad una nuova attività imprenditoriale.

“Fin dai sedici anni ho risparmiato per giungere a questo momento”, dichiara ai giornalisti che sono corsi ad intervistarlo. Ma di cosa si occupa Lino? La sua società offre qualcosa di veramente competitivo:  un sistema avanzato e tecnologico di assemblaggio metallico da poter adattare in qualsiasi contesto.

Non solo. Tale sistema può essere realizzato in modo assolutamente personale e ricorrendo alla propria immaginazione. L’unica cosa necessaria è una chiavetta Imbus. Il concept di questa idea nasce dai Lego a cui Lino Peverada è molto legato da una passione che coltiva da sempre. E così “in modo ludico e facile il cliente, privato o industriale, può montare le sue composizioni metalliche senza dover ricorrere a macchinari specifici”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su